Titolare

Cosa anima Matthias Brunner da 23 anni.


Perché si è specializzato in alberi da insediamento?
“Dopo i miei studi di ingeniere forestale al politecnico di Zurigo ho avuto voglia di seguire in modo imprenditoriale le mie idee. Stavo cercando dei mercati di nicchia, dove poter valorizzare la mia creatività. Il lavoro con alberi solitari è molto impegnativo e mi diverte molto tutt’ora.”

Cosa c’è di speciale nel Suo servizio?
“La specialità sta proprio in ciò che tutti mi dicevano di fare attenzione, perché non avrebbe funzionato: la consulenza a pagamento per proprietari di alberi. C’è voluta molta pazienza per sviluppare bene la nuova offerta. Oggi coloro che si rivolgono a noi, cercano una consulenza indipendente e competente, ovunque cresca l’albero in questione.”

Cosa caratterizza il Suo lavoro?
“Consigliare i clienti, dirigere i dipendenti, trovare soluzioni, sviluppare novità, viaggiare.”

Cosa le piace maggiormente del Suo lavoro?
“Non devo contare le mie ore di lavoro, in quanto posso proprio fare ciò che mi interessa veramente. Ho un team di lavoro molto motivato con dei preziosi collaboratori. Non è scontato. Per me è sempre un’esperienza incredibile vedere come riusciamo ad affrontare le novità e a risolvere problemi impegnativi.”

Che cosa la differenzia da una ditta di giardinieri o di cura degli alberi?
“Noi facciamo consulenze indipendenti. Non mettiamo a dimora piante, né le tagliamo. Se i nostri clienti lo desiderano, ma non vogliono occuparsene direttamente, noi possiamo fare da tramite con i nostri partner, che possono fare esattamente ciò che è necessario. In questo modo offriamo ai nostri clienti un vantaggio aggiuntivo con una fattura trasparente, evitando così conflitti di interessi nella consulenza.”

Quale progetto le sta a cuore al momento?
“La diagnosi e il trattamento delle fitopatologie. Ci impegnamo in modo particolare a non descrivere soltanto il problema, ma anche a trovare le adeguate soluzioni.”

Nei media spesso viene soprannominato “Dottore delle piante”. La trova una denominazione adeguata?
“Effettivamente ho “fatto spesso il dottore”, nonostante non abbia mai conseguito il titolo… La denominazione deriva dal fatto che abbiamo collaborato allo sviluppo di un metodo di protezione degli alberi contro i fitofagi, Questo metodo consiste nell’iniettare con una siringa il principio attivo direttamente nello xylema, garantendo così un’efficacia per diversi anni.”

Per Lei è particolarmente significativo il seguente detto arabo: “Non abbattere l’albero che ti procura ombra”. Come mai?
“Chi conosce la vignetta di quell’uomo che sta segando il ramo sul quale è seduto? Il detto arabo esprime con altre parole, esattamente lo stesso concetto. Io credo che alcune cose siano semplicemente troppo complicate per prendere delle decisioni di grande impatto alla leggera e velocemente. Per fare in modo che i proprietari degli alberi possano prendere delle decisioni sagge, forniamo delle analisi approfondite e delle valutazioni differenziate. Analogalmente succede lo stesso anche a me, come titolare, quando devo prendere delle decisioni importanti per il futuro della mia ditta. Questa pazienza l’ho sviluppana in questi molti anni, forse proprio grazie agli alberi.”